lunedì, dicembre 11, 2017
Home > Sicurezza informatica > Parental Help, Facebook crea un portale per i genitori

Parental Help, Facebook crea un portale per i genitori

A cura di Alberto Faggionato – Responsabile Informatico Fondazione Asso.Safe

FAMOSO SOCIAL NETWORK HA DEDICATO UNA PAGINA CON CONSIGLI AGLI ADULTI PER PROTEGGERE LA NAVIGAZIONE IN RETE DEI RAGAZZI.

Immagine3Sono due generazioni diverse, una pre-internet e l’altra digitale, quelle che oggi si approcciano al mondo dei social network e che, spesso, si trovano in difficoltà nel riuscire a superare la barriera che le divide davanti ai pericoli della rete. A questo tipo di situazioni ha pensato il più popolare tra i social network, Facebook, che dopo aver lanciato il nuovo Centro per la sicurezza, adesso apre il Portale per i genitori.

“Milioni di genitori ogni giorno accedono a Facebook per chiedere consigli nei gruppi, per condividere le foto dei loro figli o semplicemente per rimanere in contatto con i propri familiari che si trovano altrove”, spiega la compagnia in una nota. “Molti hanno anche domande su come funziona Facebook dopo che i loro figli si iscrivono”. Questi i motivi che hanno spinto il social, ormai frequentato da quasi 2 miliardi di persone nel mondo, ad aprire la nuova sezione online.

“…Molti hanno anche domande su come funziona Facebook dopo che i loro figli si iscrivono. Questi i motivi che hanno spinto il social, ormai frequentato da quasi 2 miliardi di persone nel mondo, ad aprire la nuova sezione online…”

Il nuovo portale pensato da Facebook (www.facebook.com/safety/parents) include le linee guida per i genitori relativi al funzionamento di Facebook, alcuni consigli per parlare con i figli di come rimanere al sicuro online e risorse di esperti da tutto il mondo tradotto in oltre 50 lingue. La grafica è molto semplice e intuitiva, così come la suddivisione degli argomenti, ripartiti in tre sezioni.

La prima dal titolo “Tutto su Facebook” si propone di fornire ai genitori un’infarinatura generale su ciò che è Facebook e su come funziona. In particolare la sezione relativa alla sicurezza permette di conoscere a fondo tutte le opzioni per proteggere al meglio la propria privacy, navigando sicuri e gestendo i propri contenuti in maniera corretta e soprattutto consapevole.

La seconda sezione, “Suggerimenti per i genitori” elenca alcuni semplici e chiari consigli su ciò che i genitori dovrebbero fare per educare i propri figli ad un uso corretto di Facebook. Alla base di tutto, specifica il portale, c’è la necessità di parlare, instaurare un canale di comunicazione sul tema della sicurezza online.

L’ultima sezione è “Consigli degli esperti” e contiene una serie di collegamenti a siti utili per approfondire maggiormente gli aspetti relativi alla sicurezza sui social network.

Un sito – vademecum insomma con l’obiettivo di fornire quegli strumenti di base per non  trovarsi impreparati di fronte alle sfide della vita digitale, come ad esempio il cyberbullismo.

“…Alla base di tutto, specifica il portale, c’è la necessità di parlare, instaurare un canale di comunicazione sul tema della sicurezza online…”

L’iniziativa è molto piaciuta e rappresenta un importante stimolo nell’investire di più in progetti legati alla prevenzione e alla sicurezza dei minori sul web, per poterne sfruttare appieno le potenzialità senza tuttavia incorrere in situazioni gravi e che recano danno ai ragazzi.

Vogliamo riproporre qui, proprio perché particolarmente interessanti, i suggerimenti che il social dà ai genitori a proposito di sicurezza online:

  1. Di’ a tuo figlio che le stesse regole si applicano online e offline.

Non fare agli altri quello che non vorresti venisse fatto a te. Proprio come diresti a tuo figlio di guardare da entrambi i lati della strada prima di attraversare o di indossare il casco quando usa la bicicletta, insegnagli a pensare prima di condividere un contenuto online.

  1. Prova a essere un buon modello di comportamento.

L’idea secondo cui ai bambini bisogna dare il buon esempio perché imitano le azioni dei grandi è vera tanto online che offline. Se imponi dei limiti di orario in cui tuo figlio può usare i social media o stare online (ad es. no SMS dopo le 22:00), rispettali anche tu.

“…Un sito (…) l’obiettivo di fornire quegli strumenti di base per non  trovarsi impreparati di fronte alle sfide della vita digitale, come ad esempio il cyberbullismo…”

  1. Connettiti subito con tuo figlio.

Dai dati emerge che i genitori dovrebbero connettersi con i figli non appena iniziano a usare i social media, considerando la possibilità di stringere amicizia con loro su Facebook. Gettare presto le basi per il dialogo e la conversazione online è importante quanto farlo offline. Diventa più difficile se aspetti. Parla con tuo figlio della tecnologia nel suo insieme ancor prima che inizi a usare i social media. In questo modo, crei un terreno fertile per un futuro dialogo sull’argomento.

  1. Identifica il momento giusto per aprire l’argomento.

Ad esempio, un buon momento per stabilire delle regole di base è quando tuo figlio riceve il suo primo cellulare. Un buon momento per parlare di condivisione sicura è quando compie 13 anni e può iscriversi a Facebook e altri social media. Un buon momento per discutere dell’importanza di non scrivere messaggi mentre è alla guida è quando prende la patente.

  1. Abbi fiducia in te.

In genere, puoi adottare le stesse strategie educative che usi per le attività offline anche per quelle online. Se sai che con tuo figlio è più efficace trattare ogni aspetto dell’argomento in modo dettagliato, crea un contratto che entrambi possiate firmare. In caso contrario, può essere sufficiente dargli le regole di base.

  1. Chiedi ai tuoi figli di farti da insegnante.

Non usi Facebook? Potrebbe però interessarti provare un servizio di musica in streaming? Se i tuoi figli hanno già dimestichezza con queste app e questi siti, possono rivelarsi un’ottima risorsa. Puoi approfittare di questi momenti per parlare anche di sicurezza, privacy e protezione. Ad esempio, puoi porre loro domande sulle impostazioni sulla privacy quando configuri il tuo account Facebook. Inoltre, come la maggior parte dei genitori sanno, ai figli piace avere la possibilità di vestire i loro panni ogni tanto.